Porta di Lampedusa
Stampa

cosa facciamo 7 [1024x768]Alternativa Giovani Onlus è stata promotrice, in collaborazione con Amani Onlus Ong e lo Studio MM, della realizzazione di un monumento dedicato agli immigrati morti e dispersi in mare. Il grande artista Mimmo Paladino ha realizzato una porta alta sei metri che è stata posta in prossimità del porto di Lampedusa. Insieme al monumento è stato portato a Lampedusa anche un appello, firmato da più di cento rappresentanti della cultura, dell'arte, delle istituzioni e dell'impresa.

 

 

L’APPELLO:

 

Ogni giorno decine di migranti cercano di raggiungere il territorio del nostro Paese e, attraverso di esso, l’Europa. Ogni anno centinaia di loro muoiono nel corso di questo tentativo. Negli anni, essi sono diventati migliaia e migliaia: 11.098 dal 1988 al ottobre 2007 lungo le frontiere europee, secondo l’Osservatorio sulle vittime dell’immigrazione di Fortress Europe. E’ una strage senza testimoni, senza denunce e molto spesso senza sepoltura, perché la maggior parte delle vittime perisce in mare e i corpi non vengono recuperati. Persino nel caso del maggior naufragio di migranti, quello avvenuto la notte di Natale del 1996 al largo delle acque di Porto Palo in Sicilia, nel quale morirono 283 persone, sebbene il relitto sia stato localizzato, nessuno ha voluto assumersi l’onere delle operazioni di recupero. E’ dunque anche una strage senza pietà. I migranti vengono dal Sud e dall’Est del mondo verso l’Italia. Vengono ad accudire i nostri anziani, a sorvegliare i nostri figli, a pulire le nostre case, a servire alle nostre mense, a lavare i nostri piatti, a raccogliere le nostre immondizie, a mandare avanti le nostre imprese artigianali, le colture e le stalle, gli impianti industriali e i servizi. Portano lavoro, umiltà, energia, un enorme desiderio di riscatto: vengono da noi per migliorarsi. Portano anche giovinezza e forza vitale alla nostra società senescente, disponibilità alle mansioni che da noi si rifiutano, speranza d’avvenire che a noi si comunica: vengono da noi per salvarci. La strage di migranti ai nostri confini à il prezzo pagato alla nostra impreparazione, incomprensione, indifferenza di fronte a un fenomeno umano di proporzioni epocali. Per questo pensiamo che un monumento ai migranti possa essere non un risarcimento, ma un riconoscimento dovuto alle sofferenze patite anche per noi.

banner [1024x768] 

PORTA DI LAMPEDUSA - PORTA D'EUROPA

 

28 giugno 2008

Inaugurato il Monumento alla memoria

dei migranti morti e dispersi in mare.

lampedusa c1. belli incontro e fiaccolata 2 1024x768lampedusa c1. belli inaugurazione della porta 10 1024x768lampedusa F[1].Cavalli l'inaugurazione della Porta vista dal mare (2) [1024x768]

 

Venivano da terre lontane , spinti da un unico bisogno, e con le mani vuote e le tasche piene di spiccioli di sogno hanno affidato al mare le loro pene.

Un' andata senza ritorno di bambini, uomini e donne, creature inconsapevoli di essere giunte dinanzi al proprio destino, di essere d'ora in poi ricordate come i senza volto,

i senza nome.

E quel mare, che aveva il sapore del sogno, è diventato un incubo.

Quel mare, che aveva il colore del cielo li ha ingoiati tingendosi di rosso.

La memoria è il pensiero di qualcosa o di qualcuno che ciascuno porta con sè per sempre.

Anche il ricordo però, per divenire memoria e restare vivo,

ha bisogno di piccoli o grandi segni.

Il portale di Lampedusa, sarà l'album dei ricordi a memoria di tutta quella gente che non ha più nè un volto, nè un nome.

Identità perdute per sempre.

Sostandovi per una preghiera o per un pensiero, o anche solo attraversandolo, come se si varcasse la soglia di una casa, sarà come entrare nella vita di quei bambini,

quegli uomini, quelle donne.

Sfogliando immagine dopo immagine, ciò che di loro è rimasto, poco o quasi niente, ricostruiremo il loro passato, le loro vite, per dare a ciascuna di queste anime, un' unica, grande, vera ,casa, dove poter finalmente trovare un pò di sollievo e di conforto.

Le nostre preghiere, o i nostri pensieri, li accompagneranno " verso l'orizzonte, di là , di là dal ponte", "al di là oltre la realtà" che per alcuni potrà essere il paradiso,

per altri un mondo migliore.

Per tutti quanti noi, invece, sarà un riconoscere e mai dimenticare il loro faticoso passaggio su questa terra.

 

Francesca Troìa

 

 

Radio Delta

logo rdl

Aeranti Corallo

radiotv logo

 

 

 

Dona 5x1000

5x1000
rss feed

RSS Feed

twitter

Twitter

stumbleupon

Stumble Upon

facebook

Facebook

my space

Myspace

linkedin

LinkedIn